TERRE GRECANICHE, TERRE DI STORIA – Terre Grecaniche

Accedi

Effettua il login alla tua area privata

TERRE GRECANICHE, TERRE DI STORIA

HomeCalabria GrecaTERRE GRECANICHE, TERRE DI STORIA

La Calabria Greca, le cui radici culturali millenarie affondano nelle prime colonizzazioni dei Greci, è rimasta nel tempo la culla secolare della minoranza linguistica ellenofona, custodendo immutate le tracce della sua antica natura di crocevia del Mediterraneo. Sono molte, infatti, le testimonianze storiche della presenza e della coesistenza in quest’area di culture diverse. Greci, Arabi, Ebrei stabilirono a lungo una pacifica convivenza in quest’angolo contadino e pastorale dell’estremo sud calabrese, una storia di oltre duemilacinquecento anni che lascia segni ricchissimi nella cultura locale.
Nei Borghi interni di Bova, Gallicianò e Roghudi si parla, soprattutto tra le persone più anziane, il Greko, la lingua dei Greci di Calabria, un idioma antichissimo con radici che raggiungono l’età magno-greca.
La Calabria Greca è terra di uomini ospitali. Se ne accorsero e ne scrissero molti illustri viaggiatori del passato, come Edward Lear, Maurits Escher, o come il glottologo Gerhard Rohlfs, accolto fraternamente in questi paesi nei molti anni della sua ricerca sulla lingua greco-calabra, o Cesare Pavese che da Brancaleone scriveva alla sorella: “la gente di questi paesi è di un tatto e di una cortesia che hanno una sola spiegazione: qui una volta la civiltà era greca”.
È nella Calabria Greca, tra Spropoli e Capo Spartivento, che con ogni probabilità sorgeva lo Zeus dell’Alece, il santuario edificato dai Locresi Epizefiri presso il Fiume Alece, nella Magna Graecia, dedicato a Zeus Olimpio.
Ed è qui, tra la fiumara di Spropoli e la fiumara di Galati, che scorre la fiumara Aranghìa, identificata dallo studioso Sabbione come l’antico Fiume Alece, in prossimità della quale nascono i vini biologici della Cooperativa Agricola Terre Grecaniche.